Mosia Capitolo 1 6

  1. 1
  2. 1
  3. 1
  4. 1
  5. 1
  6. 1
  7. 1

Mosia 22: 6 Rammenta il passaggio posteriore, attraverso il muro posteriore, nella parte posteriore della citta. I Lamaniti, ossia le guardie dei Lamaniti, di notte sono ubriache; mandiamo dunque un proclama fra tutto questo popolo, ch'esso raduni tutte le sue greggi e gli armenti per poterli spingere nel deserto di notte.

Mosia 22: 7 E io andro secondo il tuo comando, e paghero l'ultimo tributo di vino ai Lamaniti, ed essi saranno ubriachi; e quando saranno ubriachi e addormentati, noi passeremo attraverso il passaggio segreto, alla sinistra del loro campo.

Mosia 22: 8 Cosi noi partiremo per il deserto con le nostre donne e i nostri figli, le nostre greggi e i nostri armenti; e viaggeremo attorno al paese di Shilom.

Mosia 22: 9 E avvenne che il re dette ascolto alle parole di Gedeone.

Mosia 22:10 E re Limhi fece si che il suo popolo radunasse le sue greggi; e mando il tributo di vino ai Lamaniti; e mando anche del vino in piu, come dono per loro; ed essi bevvero liberamente del vino che re Limhi aveva mandato loro.

Mosia 22:11 E avvenne che il popolo di re Limhi parti di notte per il deserto, con le sue greggi ei suoi armenti, e giro attorno al paese di Shilom nel deserto, e piego il suo percorso verso il paese di Zarahemla, essendo guidato da Ammon e dai suoi fratelli.

Mosia 22:12 E avevano preso con se tutto il loro oro, il loro argento e le loro cose preziose che potevano trasportare nel deserto, e anche le loro provviste. E proseguirono il loro viaggio.

Mosia 22:13 E dopo essere stati molti giorni nel deserto, arrivarono nel paese di Zarahemla, si unirono al popolo di Mosia e divennero suoi sudditi.

Mosia 22:14 E avvenne che Mosia li accolse con gioia; e ricevette pure i loro annali ed anche gli annali che erano stati trovati dal popolo di Limhi.

Mosia 22:15 Ed ora avvenne che quando i Lamaniti si accorsero che il popolo di Limhi aveva lasciato il paese di notte, mandarono un esercito nel deserto a inseguirli.

Mosia 22:16 E dopo che li ebbero inseguiti per due giorni, non poterono piu oltre seguire le loro tracce: si smarrirono dunque nel deserto.

------------------------------

Racconto di Alma e del popolo del Signore, che fu cacciato nel deserto dal popolo di re Noe. Comprende i capitoli 23 e 24.

Mosia Capitolo 23

Alma rifiuta d'essere re - Egli serve come sommo sacerdote - Il Signore castiga il suo popolo, e i Lamaniti conquistano il paese di Helam - Amulon, capo dei malvagi sacerdoti di re Noe, governa come suddito del monarca lamanita. Circa 145 - 121 a.C.

Mosia 23: 1 ORA Alma, essendo stato avvertito dal Signore che gli eserciti di re Noe sarebbero piombati su di loro, e avendolo reso noto al popolo, essi radunarono dunque le loro greggi, presero una parte del loro grano, e partirono per il deserto dinanzi agli eserciti di re Noe.

Mosia 23: 2 E il Signore li fortifico, cosicche il popolo di re Noe non pote raggiungerli per annientarli.

Mosia 23: 3 E fuggirono per otto giorni di viaggio nel deserto.

Mosia 23: 4 E giunsero in un paese, si, un paese molto bello e piacevole, un paese di acque pure.

Mosia 23: 5 E piantarono le tende e cominciarono a coltivare la terra, e cominciarono a costruire degli edifici; si, erano industriosi e lavoravano assai.

Mosia 23: 6 E il popolo desiderava che Alma fosse il loro re, poiche egli era amato dal suo popolo.

Mosia 23: 7 Ma egli disse loro: Ecco, non e opportuno che noi abbiamo un re; poiche cosi dice il Signore: Non stimerete una carne piu di un'altra, ossia un uomo non si reputera superiore a un altro; percio vi dico che non e opportuno che abbiate un re.

Mosia 23: 8 Nondimeno, se vi fosse possibile avere come re sempre uomini giusti, sarebbe bene per voi avere un re.

Mosia 23: 9 Ma ricordate le iniquita di re Noe e dei suoi sacerdoti; e io stesso fui preso in trappola, e feci molte cose che erano abominevoli agli occhi del Signore, che mi causarono un doloroso pentimento.

Mosia 23:10 Nondimeno, dopo molte tribolazioni, il Signore udi le mie grida, e rispose alle mie preghiere, e ha fatto di me uno strumento nelle sue mani per portare tanti di voi alla conoscenza della sua verita.

Mosia 23:11 Nondimeno, non mi glorio per questo, poiche sono indegno di gloriarmi di me stesso.

Mosia 23:12 Ed ora io vi dico, siete stati oppressi dal re Noe, e siete stati schiavi suoi e dei suoi sacerdoti, e siete stati da loro portati all'iniquita, ed eravate impediti dai legami dell'iniquita.

Mosia 23:13 Ed ora poiche siete stati liberati dal potere di Dio da questi legami, si, cioe dalle mani di re Noe e del suo popolo, e anche dai legami dell'iniquita, altrettanto desidero che voi rimaniate fermi in questa liberta con la quale siete stati resi liberi, e che non diate fiducia a nessun uomo di regnare su di voi.

Mosia 23:14 E inoltre non date fiducia a nessuno di essere vostro insegnante ne vostro ministro, eccetto che sia un uomo di Dio, che cammini nelle sue vie e che obbedisca ai suoi comandamenti.

Mosia 23:15 Cosi Alma insegno al suo popolo, che ogni uomo amasse il suo prossimo come se stesso, cosicche non vi fossero contese fra loro.

Mosia 23:16 Ed ora Alma era il loro sommo sacerdote, essendo egli il fondatore della loro chiesa.

Mosia 23:17 E avvenne che nessuno riceveva l'autorita di predicare o di insegnare eccetto che da Dio, mediante lui. Percio egli consacrava tutti i loro sacerdoti e tutti i loro insegnanti; e nessuno veniva consacrato, a meno che non fosse un uomo giusto.

Mosia 23:18 Essi vegliavano dunque sul loro popolo e lo nutrivano delle cose che riguardano la rettitudine.

Mosia 23:19 E avvenne che cominciarono a prosperare grandemente nel paese; e chiamarono il paese Helam.

Mosia 23:20 E avvenne che si moltiplicarono e prosperarono grandemente nel paese di Helam; e costruirono una citta che chiamarono la citta di Helam.

Mosia 23:21 Nondimeno il Signore ritiene opportuno castigare il suo popolo; si, egli mette alla prova la sua pazienza e la sua fede.

Mosia 23:22 Nondimeno - chiunque ripone la sua fiducia in lui, sara elevato nell'ultimo giorno. Si, e cosi fu per questo popolo.

Mosia 23:23 Poiche ecco, io vi mostrero che essi furono ridotti in schiavitu, e nessuno avrebbe potuto liberarli se non il Signore loro Dio, si, ossia il Dio di Abrahamo, di Isacco e di Giacobbe.

Mosia 23:24 E avvenne che egli li libero, e mostro loro il suo grande potere, e grande fu la loro gioia.

Mosia 23:25 Poiche ecco, avvenne che mentre erano nel paese di Helam, si, nella citta di Helam, mentre coltivavano la terra tutt'attorno, ecco che un esercito di Lamaniti fu ai confini del paese.

Mosia 23:26 Ora avvenne che i fratelli di Alma fuggirono dai campi e si radunarono nella citta di Helam; ed erano molto spaventati a causa del sopraggiungere dei Lamaniti.

Mosia 23:27 Ma Alma si fece avanti e stette in mezzo a loro, e li esorto a non essere spaventati, ma a ricordarsi del Signore loro Dio ed egli li avrebbe liberati.

Mosia 23:28 Essi tacitarono dunque i loro timori, e cominciarono a invocare il Signore affinche intenerisse il cuore dei Lamaniti, cosicche risparmiassero loro, le loro mogli e i loro figli.

Mosia 23:29 E avvenne che il Signore inteneri il cuore dei Lamaniti. E Alma e i suoi fratelli si fecero avanti e si consegnarono nelle loro mani; e i Lamaniti presero possesso del paese di Helam.

Mosia 23:30 Ora gli eserciti dei Lamaniti, che avevano inseguito il popolo di re Limhi, erano da molti giorni smarriti nel deserto.

Mosia 23:31 Ed ecco, avevano trovato quei sacerdoti di re Noe in un luogo che essi chiamavano Amulon; e avevano cominciato a prendere possesso del paese di Amulon e avevano cominciato a coltivare la terra.

Mosia 23:32 Ora il nome del capo di quei sacerdoti era Amulon.

Mosia 23:33 E avvenne che Amulon imploro i Lamaniti; e mando pure avanti le loro mogli, che erano le figlie dei Lamaniti, a implorare i loro fratelli, affinche non annientassero i loro mariti.

Mosia 23:34 E i Lamaniti ebbero compassione di Amulon e dei suoi fratelli, e non li annientarono, a motivo delle loro mogli.

Mosia 23:35 E Amulon e i suoi fratelli si unirono ai Lamaniti, e stavano viaggiando nel deserto alla ricerca della terra di Nefi quando scoprirono la terra di Helam, che era in possesso di Alma e dei suoi fratelli.

Mosia 23:36 E avvenne che i Lamaniti promisero ad Alma e ai suoi fratelli che, se avessero mostrato loro la via che conduceva alla terra di Nefi, avrebbero accordato loro la vita e la liberta.

Mosia 23:37 Ma dopo che Alma ebbe mostrato loro la via che conduceva alla terra di Nefi i Lamaniti non vollero mantenere la loro promessa; ma posero delle guardie tutt'attorno al paese di Helam, su Alma e i suoi fratelli.

Mosia 23:38 E il rimanente di loro ando nel paese di Nefi; e una parte di essi torno alla terra di Helam, portando con se anche le mogli e i figli delle guardie che erano state lasciate nel paese.

Mosia 23:39 E il re dei Lamaniti aveva accordato ad Amulon di essere re e governatore sul suo popolo, che era nel paese di Helam; nondimeno egli non avrebbe avuto alcun potere di fare qualsiasi cosa contraria alla volonta del re dei Lamaniti.

Mosia Capitolo 24

Amulon perseguita Alma e il suo popolo - Se pregano saranno messi a morte - Il Signore fa sembrare leggeri i loro fardelli - Li libera dalla schiavitu ed essi ritornano a Zarahemla. Circa 145 - 120 a.C.

Mosia 24: 1 E AVVENNE che Amulon guadagno favore agli occhi del re dei Lamaniti; percio il re dei Lamaniti accordo a lui e ai suoi fratelli di essere nominati insegnanti del suo popolo, si, ossia del popolo che era nel paese di Shemlon, e nel paese di Shilom, e nel paese di Amulon.

Mosia 24: 2 Poiche i Lamaniti avevano preso possesso di tutte queste terre; percio il re dei Lamaniti aveva nominato dei re su tutte queste terre.

Mosia 24: 3 Ed ora il nome del re dei Lamaniti era Laman, cosi chiamato dal nome di suo padre; e dunque era chiamato re Laman. Ed era re di un popolo numeroso.

Mosia 24: 4 Ed egli nomino degli insegnanti, fra i fratelli di Amulon, in ogni paese che il suo popolo possedeva; e cosi la lingua di Nefi comincio a essere insegnata fra tutto il popolo dei Lamaniti.

Mosia 24: 5 Ed erano un popolo amichevole gli uni con gli altri; nondimeno non conoscevano Dio; ne i fratelli di Amulon insegnavano loro alcunche riguardo al Signore loro Dio, ne alla legge di Mose; ne insegnavano loro le parole di Abinadi;

Mosia 24: 6 Ma insegnarono loro a tenere una loro storia e a scriversi l'un l'altro.

Mosia 24: 7 E cosi i Lamaniti cominciarono ad accrescere le loro ricchezze, e cominciarono a commerciare gli uni con gli altri, e a diventare grandi, e cominciarono a essere un popolo astuto e saggio quanto alla saggezza del mondo; si, un popolo molto astuto, che si deliziava in ogni sorta di malvagita e di saccheggio, eccetto che tra i loro propri fratelli.

Mosia 24: 8 Ed ora avvenne che Amulon comincio a esercitare autorita su Alma e sui suoi fratelli, e comincio a perseguitarlo, e fece si che i suoi figlioli perseguitassero i loro figlioli.

Mosia 24: 9 Perche Amulon conosceva Alma, che era stato uno dei sacerdoti del re, che era colui che aveva creduto nelle parole di Abinadi e che era stato scacciato dal cospetto del re; e percio era adirato con lui; poiche era soggetto a re Laman, e tuttavia esercitava la sua autorita su di loro, e impose loro dei lavori, e mise su di loro dei sorveglianti.

Mosia 24:10 E avvenne che le loro afflizioni erano tanto grandi, che essi cominciarono a invocare Dio a gran voce.

Mosia 24:11 Ed Amulon ordino loro di porre fine alle loro invocazioni; e pose delle guardie per sorvegliarli, affinche chiunque fosse trovato a invocare Dio fosse messo a morte.

Mosia 24:12 Ed Alma e il suo popolo non alzarono piu la voce al Signore loro Dio, ma aprirono a lui il cuore; ed egli conobbe i pensieri del loro cuore.

Mosia 24:13 E avvenne che la voce del Signore venne ad essi nelle loro afflizioni, dicendo: Alzate il capo e state di buon animo, poiche io conosco l'alleanza che avete fatto con me; e io faro alleanza con il mio popolo e lo liberero dalla schiavitu.

Mosia 24:14 Ed alleviero pure i fardelli che sono posti sulle vostre spalle, cosicche non possiate sentirli piu sulla schiena, anche mentre siete in schiavitu; e faro cio affinche possiate stare come miei testimoni d'ora innanzi, e affinche possiate sapere con sicurezza che io, il Signore Iddio, conforto il mio popolo nelle sue afflizioni.

Mosia 24:15 Ed ora avvenne che i fardelli che erano stati imposti ad Alma ed ai suoi fratelli furono resi leggeri; si, il Signore li fortifico cosicche potessero portare agevolmente i loro fardelli, ed essi si sottoposero allegramente e con pazienza a tutta la volonta del Signore.

Mosia 24:16 E avvenne che cosi grandi erano la loro fede e la loro pazienza, che la voce del Signore venne a loro di nuovo, dicendo: State di buon animo, poiche domani io vi liberero dalla schiavitu.

Mosia 24:17 Ed egli disse ad Alma: Tu andrai dinanzi a questo popolo, e io andro con te e liberero questo popolo dalla schiavitu.

Mosia 24:18 Ed ora avvenne che, durante la notte, Alma e il suo popolo radunarono le loro greggi, ed anche un po 'del loro grano; si, per tutta la notte essi radunarono le loro greggi.

Mosia 24:19 E al mattino il Signore fece cadere un profondo sonno sui Lamaniti, si, e tutti i loro sorveglianti erano in un sonno profondo.

Mosia 24:20 E Alma e il suo popolo partirono per il deserto; e dopo aver viaggiato tutto il giorno piantarono le tende in una valle; e chiamarono la valle Alma, perche egli aveva guidato il loro cammino nel deserto.

Mosia 24:21 Si, e nella valle di Alma essi esternarono il loro ringraziamento a Dio perche era stato misericordioso verso di loro e aveva alleviato i loro fardelli e li aveva liberati dalla schiavitu; poiche erano in schiavitu, e nessuno poteva liberarli eccetto il Signore loro Dio.

Mosia 24:22 E resero grazie a Dio; si, tutti gli uomini, tutte le donne e tutti i bambini che potevano parlare levarono la voce in lode del loro Dio.

Mosia 24:23 Ed ora il Signore disse ad Alma: Affrettati ed esci da questo paese, tu e il tuo popolo, poiche i Lamaniti si sono svegliati e ti inseguono; esci dunque da questo paese, e io fermero i Lamaniti in questa valle affinche non vengano oltre all'inseguimento di questo popolo.

Mosia 24:24 E avvenne che essi uscirono dalla valle e si misero in viaggio nel deserto.

Mosia 24:25 E dopo essere stati per dodici giorni nel deserto arrivarono nel paese di Zarahemla; e re Mosia ricevette anche loro con gioia.

Mosia Capitolo 25

Il popolo di Zarahemla (i Mulechiti) diventano Nefiti - Essi apprendono del popolo di Alma e di Zeniff - Alma battezza Limhi e tutto il suo popolo - Mosia autorizza Alma a organizzare la Chiesa di Dio. Circa 120 a.C.

Mosia 25: 1 ED ora re Mosia fece si che tutto il popolo si radunasse.

Mosia 25: 2 Ora non vi erano tanti dei figli di Nefi, o tanti di coloro che erano discendenti di Nefi, quanti quelli del popolo di Zarahemla, che era una discendenza di Mulec, e coloro che erano venuti con lui nel deserto.

Mosia 25: 3 E il popolo di Nefi e il popolo di Zarahemla non erano tanto numerosi quanto lo erano i Lamaniti; si, non erano, di numero, nemmeno la meta.

Mosia 25: 4 Ed ora tutto il popolo di Nefi era riunito, ed anche tutto il popolo di Zarahemla, ed erano radunati in due gruppi.

Mosia 25: 5 E avvenne che Mosia lesse, e fece leggere, gli annali di Zeniff al suo popolo; si, egli lesse gli annali del popolo di Zeniff, dal tempo in cui lasciarono il paese di Zarahemla fino a che vi tornarono di nuovo.

Mosia 25: 6 E lesse anche il racconto di Alma e dei suoi fratelli, e tutte le loro afflizioni, dal tempo in cui lasciarono il paese di Zarahemla fino al tempo in cui vi tornarono di nuovo.

Mosia 25: 7 Ed ora, quando Mosia ebbe terminato di leggere gli annali, il suo popolo, che era rimasto nel paese, fu colpito da meraviglia e da stupore.

Mosia 25: 8 Poiche non sapevano che pensare: poiche, quando videro coloro che erano stati liberati dalla schiavitu, furono pieni di grandissima gioia.

Mosia 25: 9 E ancora, quando pensarono ai loro fratelli che erano stati uccisi dai Lamaniti, furono pieni di dolore, e versarono anche molte lacrime di dolore.

Mosia 25:10 E ancora, quando pensarono all'immediata bonta di Dio, e alla sua potenza nel liberare Alma e i suoi fratelli dalle mani dei Lamaniti e dalla schiavitu, alzarono la voce e resero grazie a Dio.

Mosia 25:11 E ancora, quando pensarono ai Lamaniti, che erano i loro fratelli, al loro stato peccaminoso e corrotto, furono pieni di sofferenza e di angoscia per il bene delle loro anime.

Mosia 25:12 E avvenne che coloro che erano figli di Amulon e dei suoi fratelli, che avevano preso in moglie le figlie dei Lamaniti, furono dispiaciuti della condotta dei loro padri e non vollero piu essere chiamati con il nome dei loro padri, percio presero su di se il nome di Nefi, per poter essere chiamati figlioli di Nefi ed essere annoverati fra coloro che erano chiamati Nefiti.

Mosia 25:13 Ed ora tutto il popolo di Zarahemla fu annoverato fra i Nefiti, e cio perche il regno non era stato conferito a nessuno se non a coloro che erano discendenti di Nefi.

Mosia 25:14 Ed ora avvenne che quando Mosia ebbe terminato di parlare e di leggere al popolo, desidero che anche Alma parlasse al popolo.

Mosia 25:15 E Alma parlo loro, mentre erano radunati in gruppi numerosi, e ando da un gruppo all'altro, predicando al popolo il pentimento e la fede nel Signore.

Mosia 25:16 Ed esorto il popolo di Limhi e i suoi fratelli, tutti quelli che erano stati liberati dalla schiavitu, a ricordare che era il Signore che li aveva liberati.

Mosia 25:17 E avvenne che, dopo che Alma ebbe insegnato molte cose al popolo ed ebbe terminato di parlare loro, re Limhi desidero di poter essere battezzato; ed anche tutto il suo popolo desidero di poter essere battezzato.

Mosia 25:18 Percio, Alma entro nell'acqua e li battezzo; si, li battezzo nello stesso modo in cui aveva battezzato i suoi fratelli nelle acque di Mormon; si, e tutti quelli che egli battezzo appartennero alla chiesa di Dio; e cio perche credevano nelle parole di Alma.

Mosia 25:19 E avvenne che re Mosia accordo ad Alma di poter istituire delle chiese in tutto il paese di Zarahemla; e gli dette il potere di ordinare sacerdoti e insegnanti in ogni chiesa.

Mosia 25:20 Ora, cio fu fatto perche c'erano cosi tante persone che non potevano essere guidate tutte da un solo insegnante; ne tutte potevano udire la parola di Dio in una sola assemblea.

Mosia 25:21 Percio si riunivano in diversi gruppi che erano chiamati chiese; ed ogni chiesa aveva i suoi sacerdoti e i suoi insegnanti, e ogni sacerdote predicava la parola secondo quanto gli era stato comunicato per bocca di Alma.

Mosia 25:22 E cosi, nonostante vi fossero molte chiese, erano tutti una sola chiesa, si, la chiesa di Dio: poiche in tutte le chiese non si predicava nulla eccetto che il pentimento e la fede in Dio.

Mosia 25:23 Ed ora vi erano sette chiese nel paese di Zarahemla. E avvenne che chiunque desiderasse prendere su di se il nome di Cristo, o di Dio, si univa alle chiese di Dio.

Mosia 25:24 Ed erano chiamati il ??popolo di Dio. E il Signore riverso il suo Spirito su di loro, ed essi furono benedetti e prosperarono nel paese.

Mosia Capitolo 26

Molti membri della chiesa sono indotti al peccato dagli increduli - Ad Alma e promessa la vita eterna - Chi si pente ed e battezzato ottiene il perdono - I membri della chiesa nel peccato, che si pentono e confessano ad Alma e al Signore, saranno perdonati; altrimenti saranno scomunicati. Circa 120 - 100 a.C.

Mosia 26: 1 ORA avvenne che ve n'erano molti della nuova generazione che non potevano comprendere le parole di re Beniamino, poiche erano piccoli bambini al tempo in cui egli aveva parlato al suo popolo; ed essi non credevano alle tradizioni dei loro padri.

Mosia 26: 2 Essi non credevano a quanto era stato detto riguardo alla risurrezione dei morti, ne credevano alla venuta di Cristo.

Mosia 26: 3 Ed ora, a causa della loro incredulita, non potevano comprendere la parola di Dio; e i loro cuori erano induriti.

Mosia 26: 4 E non volevano essere battezzati; ne volevano unirsi alla chiesa. Ed erano un popolo separato quanto alla loro fede, e restarono cosi da allora in poi, ossia nel loro stato carnale e peccaminoso; poiche non volevano invocare il Signore loro Dio.

Mosia 26: 5 Ed ora nel regno di Mosia essi erano in numero meno della meta del popolo di Dio; ma a causa dei dissensi fra i fratelli diventarono piu numerosi.

Mosia 26: 6 Poiche avvenne che, con le loro parole lusinghiere, ingannarono molti che erano nella chiesa, e li indussero a commettere molti peccati; percio fu opportuno che coloro che commettevano peccato, e che erano nella chiesa, fossero ammoniti dalla chiesa.

Mosia 26: 7 E avvenne che furono, condotti dinanzi ai sacerdoti, e furono consegnati ai sacerdoti dagli insegnanti; e i sacerdoti li portarono dinanzi ad Alma, che era il sommo sacerdote.

Mosia 26: 8 Ora re Mosia aveva dato ad Alma autorita sulla chiesa.

Mosia 26: 9 E avvenne che Alma non sapeva nulla a loro riguardo; ma c'erano molti testimoni contro di loro; si, il popolo si levo e testimonio largamente della loro iniquita.

Mosia 26:10 Ora una cosa simile non era mai accaduta in passato nella chiesa: percio Alma fu turbato nello spirito, e fece si che fossero portati dinanzi al re.

Mosia 26:11 E disse al re: Ecco, qui vi sono molte persone che abbiamo portato dinanzi a te, che sono accusate dai loro fratelli; si, e sono state colte in diverse iniquita. Ed essi non si pentono delle loro iniquita; percio li abbiamo portati dinanzi a te, affinche tu li possa giudicare secondo i loro crimini.

Mosia 26:12 Ma re Mosia disse ad Alma: Ecco, io non li giudico: percio li consegno nelle tue mani perche siano giudicati.

Mosia 26:13 Ed ora lo spirito di Alma fu nuovamente turbato; ed egli ando a chiedere al Signore cosa dovesse fare riguardo a questa faccenda, poiche temeva di sbagliare agli occhi di Dio.

Mosia 26:14 E avvenne che dopo che ebbe riversato tutta la sua anima a Dio, la voce del Signore venne a lui, dicendo:

Mosia 26:15 Benedetto sei tu, Alma, e benedetti sono coloro che furono battezzati nelle acque di Mormon. Tu sei benedetto a motivo della tua grandissima fede nelle sole parole del mio servitore Abinadi.

Mosia 26:16 Ed essi sono benedetti a motivo della loro grandissima fede nelle sole parole che tu hai detto loro.

Mosia 26:17 E benedetto sei tu perche hai stabilito una chiesa fra questo popolo; ed essi saranno resi stabili, e saranno il mio popolo.

Mosia 26:18 Si, benedetto e questo popolo che e disposto a portare il mio nome; poiche saranno chiamati col mio nome; ed essi sono miei.

Mosia 26:19 E poiche mi hai chiesto riguardo al trasgressore, tu sei benedetto.

Mosia 26:20 Tu sei il mio servitore; e io faccio alleanza con te che tu avrai la vita eterna; e tu mi servirai ed andrai innanzi in nome mio e radunerai le mie pecore.

Mosia 26:21 E colui che udra la mia voce sara una mia pecora; e voi lo riceverete nella chiesa, e io pure lo ricevero.

Mosia 26:22 Poiche ecco, questa e la mia chiesa: chiunque e battezzato sara battezzato al pentimento. E chiunque voi riceverete, credera nel mio nome; e io lo perdonero generosamente.

Mosia 26:23 Poiche sono io che prendo su di me i peccati del mondo; poiche sono io che li ho creati; e sono io che accordo un posto alla mia destra a colui che crede fino alla fine.

Mosia 26:24 Poiche ecco, essi sono chiamati col mio nome; e se mi conoscono, essi verranno fuori e avranno eternamente un posto alla mia destra.

Mosia 26:25 Ed avverra che quando suonera la seconda tromba, allora coloro che mai mi conobbero verranno fuori e staranno dinanzi a me.

Mosia 26:26 E allora sapranno che io sono il Signore loro Dio, che sono il loro Redentore; ma essi non vollero essere redenti.

Mosia 26:27 E allora io dichiarero loro che non li conobbi mai; ed essi se ne andranno nel fuoco eterno preparato per il diavolo e i suoi angeli.

Mosia 26:28 Percio ti dico, che colui che non udra la mia voce, tu non lo riceverai nella mia chiesa, poiche io non lo ricevero all'ultimo giorno.

Mosia 26:29 Percio io ti dico: Va ', e chiunque trasgredisce contro di me, lo giudicherai secondo i peccati che ha commesso; e se confessa i suoi peccati dinanzi a te e a me, e si pente nella sincerita del suo cuore, lo perdonerai, e io pure lo perdonero.

Mosia 26:30 Si, e ogni volta che il mio popolo si pentira, io perdonero loro le loro trasgressioni contro di me.

Mosia 26:31 E voi pure vi perdonerete l'un l'altro le vostre trasgressioni; poiche in verita io vi dico, colui che non perdona le trasgressioni del suo prossimo quando dice che si pente, si e posto egli stesso sotto condanna.

Mosia 26:32 Ora io ti dico: Va ', e chiunque non si pentira dei suoi peccati, non sara annoverato fra il mio popolo; e cio sara osservato d'ora in avanti.




RACCONTO SCRITTO SU TAVOLE PER 11 | RACCONTO SCRITTO SU TAVOLE PER 12 | RACCONTO SCRITTO SU TAVOLE PER 13 | RACCONTO SCRITTO SU TAVOLE PER 14 | RACCONTO SCRITTO SU TAVOLE PER 15 | RACCONTO SCRITTO SU TAVOLE PER 16 | Mosia Capitolo 1 + 1 | Mosia Capitolo 1 2 | Mosia Capitolo 1 3 | Mosia Capitolo 1 4 |

© um.co.ua -