На головну

LIBRO DI MORMON 37 страница

  1. 1 страница
  2. 1 страница
  3. 1 страница
  4. 1 страница
  5. 1 страница
  6. 1 страница
  7. 1 страница

Ether 13:6 E che una Nuova Gerusalemme sarebbe stata edificata in questo paese, per il rimanente della posterità di Giuseppe, cose per le quali vi è stato un simbolo.

Ether 13:7 Poiché, come Giuseppe portò suo padre nel paese d'Egitto, così che egli morì lì; pertanto, il Signore portò un rimanente della posterità di Giuseppe fuori dalla terra di Gerusalemme, per poter essere misericordioso verso la posterità di Giuseppe, affinché non perisse, proprio come era stato misericordioso verso il padre di Giuseppe, affinché non perisse.

Ether 13:8 Pertanto il rimanente del casato di Giuseppe sarà stabilito su questa terra; ed essa sarà una terra di loro eredità; ed essi edificheranno una città santa al Signore, simile alla Gerusalemme antica; e non saranno più confusi fino a che verrà la fine, quando la terra passerà.

Ether 13:9 E vi saranno un nuovo cielo e una nuova terra; e saranno simili a quelli vecchi, salvo che quelli vecchi saranno passati e tutte le cose saranno divenute nuove.

Ether 13:10 E allora verrà la Nuova Gerusalemme; e beati saranno coloro che vi dimoreranno, poiché sono coloro le cui vesti sono bianche tramite il sangue dell'Agnello; e sono coloro che saranno annoverati tra il rimanente della posterità di Giuseppe, che erano del casato d'Israele.

Ether 13:11 E allora verrà pure la Gerusalemme antica; e beati ne sono gli abitanti, poiché sono stati lavati nel sangue dell'Agnello; e sono coloro che furono dispersi e riuniti dai quattro canti della terra e dalle regioni settentrionali, e sono partecipi dell'adempimento dell'alleanza che Dio fece col loro padre Abrahamo.

Ether 13:12 E quando verranno queste cose, si realizzerà la Scrittura che dice: Vi sono quelli che erano i primi, che saranno gli ultimi; e vi sono quelli che erano gli ultimi, che saranno i primi.

Ether 13:13 E stavo per scrivere dell'altro, ma mi è proibito; però grandi e meravigliose furono le profezie di Ether, ma essi lo stimarono come nulla e lo scacciarono; ed egli si nascondeva nella cavità di una roccia durante il giorno, e di notte usciva per osservare le cose che sarebbero accadute al popolo.

Ether 13:14 E mentre dimorava nella cavità di una roccia fece il resto di questa storia, osservando di notte le distruzioni che colpivano il popolo.

Ether 13:15 E avvenne che nello stesso anno in cui egli fu scacciato di fra il popolo, cominciò ad esservi una grande guerra fra il popolo, poiché ve ne furono molti che erano uomini potenti che si levarono e cercarono di distruggere Coriantumr, mediante i loro malvagi piani segreti di cui si è parlato.

Ether 13:16 Ed ora, Coriantumr, avendo egli stesso studiato tutte le arti di guerra e tutte le astuzie del mondo, diede pertanto battaglia a coloro che cercavano di annientarlo.

Ether 13:17 Però non si pentì, né i suoi bei figli, né le sue belle figlie; né i bei figli e le belle figlie di Cohor; né i bei figli e le belle figlie di Corihor; in breve, non vi fu nessuno dei bei figli e delle belle figlie sulla faccia della terra intera che si pentì dei suoi peccati.

Ether 13:18 Pertanto avvenne che, nel primo anno in cui Ether dimorò nella cavità di una roccia, vi furono molte persone che furono uccise dalla spada di quelle associazioni segrete che combattevano contro Coriantumr per ottenere il regno.

Ether 13:19 E avvenne che i figli di Coriantumr combatterono molto e persero molto sangue.

Ether 13:20 E nel secondo anno la parola del Signore venne ad Ether, affinché andasse a profetizzare a Coriantumr che, se si fosse pentito, egli e tutta la sua casa, il Signore gli avrebbe dato il regno e avrebbe risparmiato il popolo --

Ether 13:21 Altrimenti sarebbero stati distrutti, con tutta la sua casa, salvo lui stesso; ed egli sarebbe vissuto solo per vedere l'adempimento delle profezie che erano state dette riguardo a un altro popolo, che avrebbe ricevuto come sua eredità il paese; e Coriantumr sarebbe stato sepolto da loro; ed ogni anima sarebbe stata annientata salvo Coriantumr.

Ether 13:22 E avvenne che Coriantumr non si pentì, né la sua casa, né il popolo; e le guerre non cessarono; e cercarono di uccidere Ether, ma egli fuggì da loro e si nascose di nuovo nella cavità della roccia.

Ether 13:23 E avvenne che sorse Shared, ed egli pure diede battaglia a Coriantumr; e lo batté, tanto che nel terzo anno lo ridusse in schiavitù.

Ether 13:24 E i figli di Coriantumr, nel quarto anno, batterono Shared e restituirono il regno al loro padre.

Ether 13:25 Ora, cominciò ad esservi una guerra su tutta la faccia del paese, ogni uomo con la sua banda a combattere per ciò che desiderava.

Ether 13:26 E c'erano dei ladroni e, in breve, ogni sorta di malvagità su tutta la faccia del paese.

Ether 13:27 E avvenne che Coriantumr fu estremamente adirato contro Shared, e andò con i suoi eserciti a combattere contro di lui; e si affrontarono con grande rabbia, e si affrontarono nella valle di Ghilgal; e la battaglia divenne violentissima.

Ether 13:28 E avvenne che Shared combatté contro di lui per lo spazio di tre giorni. E avvenne che Coriantumr lo batté e lo inseguì finché giunse alle pianure di Heslon.

Ether 13:29 E avvenne che Shared gli dette di nuovo battaglia nelle pianure; ed ecco, sconfisse Coriantumr e lo ricacciò di nuovo indietro nella valle di Ghilgal.

Ether 13:30 E Coriantumr diede di nuovo battaglia a Shared nella valle di Ghilgal, durante la quale batté Shared e lo uccise.

Ether 13:31 E Shared ferì Coriantumr alla coscia, cosicché egli non poté più combattere di nuovo per lo spazio di due anni, durante i quali tutto il popolo sulla faccia del paese sparse sangue, e non v'era nessuno che li fermasse.

Ether Capitolo 14

L'iniquità del popolo porta una maledizione sul paese --Coriantumr ingaggia una guerra contro Galaad, poi Lib e poi Shiz -- Sangue e carneficina coprono il paese.

Ether 14:1 ED ora, cominciò ad esservi una grande maledizione su tutto il paese a causa dell'iniquità del popolo, per cui se uno lasciava un utensile o la spada sul suo scaffale o nel luogo dove voleva conservarlo, ecco, l'indomani non lo ritrovava, tanto era grande la maledizione sul paese.

Ether 14:2 Pertanto ognuno stava attaccato a ciò che era suo, con le sue mani, e non voleva né prestare né prendere in prestito; e ognuno teneva l'elsa della sua spada nella mano destra per difendere i suoi beni, e la sua vita e quella di sua moglie e dei suoi figli.

Ether 14:3 Ed ora, dopo lo spazio di due anni e dopo la morte di Shared, ecco sorse il fratello di Shared e diede battaglia a Coriantumr, durante la quale Coriantumr lo batté e lo inseguì fino al deserto di Achish.

Ether 14:4 E avvenne che il fratello di Shared gli dette battaglia nel deserto di Achish; e la battaglia divenne violentissima, e molte migliaia caddero per la spada.

Ether 14:5 E avvenne che Coriantumr mise assedio al deserto; e il fratello di Shared marciò fuori dal deserto di notte e uccise parte dell'esercito di Coriantumr mentre erano ubriachi.

Ether 14:6 E venne al paese di Moron e si mise sul trono di Coriantumr.

Ether 14:7 E avvenne che Coriantumr dimorò nel deserto con il suo esercito per lo spazio di due anni, durante i quali ricevette grandi rinforzi per il suo esercito.

Ether 14:8 Ora, il fratello di Shared, il cui nome era Galaad, ricevette pure grandi rinforzi per il suo esercito, a causa delle associazioni segrete.

Ether 14:9 E avvenne che il suo sommo sacerdote lo uccise mentre era seduto sul suo trono.

Ether 14:10 E avvenne che uno delle associazioni segrete uccise lui in un passaggio segreto e ottenne per sé il regno; e il suo nome era Lib, e Lib era un uomo di alta statura, più di ogni altro fra tutto il popolo.

Ether 14:11 E avvenne che nel primo anno di Lib, Coriantumr salì al paese di Moron e dette battaglia a Lib.

Ether 14:12 E avvenne che combatté contro Lib, e Lib lo colpì al braccio cosicché lo ferì; nondimeno l'esercito di Coriantumr si spinse avanti contro Lib, cosicché egli fuggì fino ai confini, sulla riva del mare.

Ether 14:13 E avvenne che Coriantumr lo inseguì, e Lib gli dette battaglia sulla riva del mare.

Ether 14:14 E avvenne che Lib sconfisse l'esercito di Coriantumr, cosicché fuggirono di nuovo nel deserto di Achish.

Ether 14:15 E avvenne che Lib lo inseguì fino a che giunse alle pianure di Agosh. E Coriantumr aveva preso con sé tutto il popolo, mentre fuggiva davanti a Lib in quella parte del paese dove fuggì.

Ether 14:16 E quando fu giunto alle pianure di Agosh dette battaglia a Lib e lo colpì, finché morì; nondimeno il fratello di Lib venne contro Coriantumr al posto suo e la battaglia divenne violentissima, durante la quale Coriantumr fuggì di nuovo davanti all'esercito del fratello di Lib.

Ether 14:17 Ora, il nome del fratello di Lib era Shiz. E avvenne che Shiz inseguì Coriantumr, rovesciò molte città, uccise sia le donne che i bambini e bruciò le città.

Ether 14:18 E il terrore di Shiz si sparse ovunque in tutto il paese; sì, un grido si sparse ovunque nel paese. Chi può resistere davanti all'esercito di Shiz? Ecco, egli spazza la terra dinanzi a lui!

Ether 14:19 E avvenne che il popolo cominciò a raggrupparsi in eserciti, ovunque su tutta la faccia del paese.

Ether 14:20 E si divisero; e una parte di loro fuggì presso l'esercito di Shiz ed una parte di loro fuggì presso l'esercito di Coriantumr.

Ether 14:21 E la guerra era stata così grande e prolungata, e così lungo era stato lo spettacolo di spargimento di sangue e di carneficina, che la faccia intera del paese era coperta dai corpi dei morti.

Ether 14:22 E la guerra fu così rapida e veloce, che non rimaneva nessuno per seppellire i morti, ma procedevano da uno spargimento di sangue a un altro spargimento di sangue, lasciando i corpi sia degli uomini che delle donne e dei bambini sparsi sulla faccia del paese, per divenire preda dei vermi della carne.

Ether 14:23 E il loro odore si sparse sulla faccia del paese, sì, su tutta la faccia del paese; pertanto il popolo fu disturbato giorno e notte, a causa del loro odore.

Ether 14:24 Nondimeno Shiz non cessò di inseguire Coriantumr; poiché aveva giurato di vendicarsi su Coriantumr del sangue di suo fratello, che era stato ucciso, e della parola del Signore, che era giunta a Ether, che Coriantumr non sarebbe caduto per spada.

Ether 14:25 E così vediamo che il Signore li visitò nella pienezza della sua ira, e la loro malvagità e le loro abominazioni avevano preparato la via per la loro perpetua distruzione.

Ether 14:26 E avvenne che Shiz inseguì Coriantumr verso oriente, fino ai confini presso la riva del mare, e là diede battaglia a Shiz per lo spazio di tre giorni.

Ether 14:27 E la distruzione fra gli eserciti di Shiz fu così terribile che il popolo, cominciò ad essere spaventato; e cominciò a fuggire dinanzi agli eserciti di Coriantumr; e fuggirono nella terra di Corihor, spazzando via gli abitanti davanti a loro, tutti coloro che non volevano unirsi a loro.

Ether 14:28 E piantarono le loro tende nella valle di Corihor; e Coriantumr piantò le sue tende nella valle di Shurr. Ora, la valle di Shurr era vicino alla collina di Comnor; pertanto Coriantumr raccolse i suoi eserciti sulla collina di Comnor e suonò la tromba per gli eserciti di Shiz, per invitarli a venire a combattere.

Ether 14:29 E avvenne che essi vennero innanzi, ma furono di nuovo respinti; e vennero una seconda volta e furono di nuovo respinti una seconda volta. E avvenne che vennero una terza volta, e la battaglia divenne violentissima.

Ether 14:30 E avvenne che Shiz colpì Coriantumr, così da infliggergli molte gravi ferite; e Coriantumr, avendo perduto sangue, svenne e fu portato via come se fosse morto.

Ether 14:31 Ora, la perdita di uomini, donne e bambini fu così grande da entrambe le parti che Shiz comandò al suo popolo di non inseguire gli eserciti di Coriantumr; pertanto tornarono al loro campo.

Ether Capitolo 15

Milioni di Giarediti sono uccisi in battaglia -- Shiz e Coriantumr riuniscono tutto il popolo per un combattimento mortale -- Lo Spirito del Signore cessa di lottare con loro -- La nazione giaredita è completamente distrutta -- Solo Coriantumr rimane.

Ether 15:1 E AVVENNE che quando Coriantumr fu guarito dalle sue ferite, cominciò a ricordare le parole che Ether gli aveva detto.

Ether 15:2 Egli vide che erano già stati uccisi di spada quasi due milioni del suo popolo, e cominciò ad addolorarsi in cuor suo; sì, due milioni di uomini potenti erano stati uccisi insieme alle loro mogli e ai loro bambini.

Ether 15:3 Egli cominciò a pentirsi del male che aveva fatto; cominciò a ricordare le parole che erano state dette per bocca di tutti i profeti, e vide che fino ad allora si erano adempiute in ogni minima parte; e la sua anima si dolse e rifiutò d'essere consolata.

Ether 15:4 E avvenne che egli scrisse un'epistola a Shiz, chiedendogli di risparmiare il popolo, ed egli avrebbe ceduto il regno per salvare la vita del popolo.

Ether 15:5 E avvenne che quando Shiz ebbe ricevuto la sua epistola, scrisse un'epistola a Coriantumr che, se si fosse consegnato affinché potesse ucciderlo con la sua propria spada, avrebbe risparmiato la vita del popolo.

Ether 15:6 E avvenne che il popolo non si pentì della sua iniquità; e il popolo di Coriantumr fu aizzato all'ira contro il popolo di Shiz; e il popolo di Shiz fu aizzato all'ira contro il popolo di Coriantumr; pertanto il popolo di Shiz diede battaglia al popolo di Coriantumr.

Ether 15:7 E quando Coriantumr vide che stava per cadere, fuggì di nuovo dinanzi al popolo di Shiz.

Ether 15:8 E avvenne che giunse alle acque di Ripliancum, che interpretato significa grande o che supera tutto; pertanto, quando giunsero a queste acque, piantarono le tende; e Shiz piantò pure le sue tende vicino a loro; e l'indomani dunque vennero a combattere.

Ether 15:9 E avvenne che combatterono una battaglia violentissima, durante la quale Coriantumr fu ferito di nuovo e svenne per la perdita di sangue.

Ether 15:10 E avvenne che gli eserciti di Coriantumr si spinsero contro gli eserciti di Shiz, cosicché li batterono, facendoli fuggire dinanzi a loro; ed essi fuggirono verso il meridione e piantarono le tende in un luogo che era chiamato Ogath.

Ether 15:11 E avvenne che l'esercito di Coriantumr piantò le sue tende presso la collina di Rama; ed era la stessa collina dove mio padre Mormon nascose gli annali che erano sacri per il Signore.

Ether 15:12 E avvenne che radunarono tutto il popolo di tutta la faccia del paese che non era stato ucciso, salvo Ether.

Ether 15:13 E avvenne che Ether vide tutti gli atti del popolo; e vide che il popolo che stava per Coriantumr si radunava con l'esercito di Coriantumr; e il popolo che stava per Shiz si radunava con l'esercito di Shiz.

Ether 15:14 Pertanto, durante lo spazio di quattro anni andarono radunando il popolo per poter raccogliere tutti quelli che stavano sulla faccia del paese e per poter ricevere tutti i rinforzi che per loro era possibile ricevere.

Ether 15:15 E avvenne che quando furono tutti radunati, ognuno con l'esercito che voleva, con sua moglie e i suoi bambini -- ed erano armati, sia gli uomini che le donne e i bambini, con armi da guerra, ed avevano corazze, ed elmi e scudi ed erano vestiti in maniera adatta alla guerra -- marciarono gli uni contro gli altri per combattere; e si batterono per tutta la giornata, senza prevalere.

Ether 15:16 E avvenne che quando fu notte erano stanchi, e si ritirarono nei loro accampamenti; e dopo che si furono ritirati nei loro accampamenti e fecero salire un urlo ed un lamento per la perdita degli uccisi del loro popolo; e così grandi erano le loro grida, le loro urla e i loro lamenti, che laceravano grandemente l'aria.

Ether 15:17 E avvenne che l'indomani andarono di nuovo a combattere, e grande e terribile fu quel giorno; nondimeno non prevalsero, e quando venne di nuovo la notte lacerarono l'aria con le loro grida, le loro urla e i loro gemiti, per la perdita degli uccisi del loro popolo.

Ether 15:18 E avvenne che Coriantumr scrisse di nuovo una epistola a Shiz, chiedendogli di non venire più a combattere, ma che prendesse il regno e risparmiasse la vita del popolo.

Ether 15:19 Ma ecco, lo Spirito del Signore aveva cessato di lottare con loro e Satana aveva pieno potere sui cuori del popolo; poiché erano abbandonati alla durezza dei loro cuori e alla cecità delle loro menti, affinché fossero distrutti; pertanto andarono a combattere di nuovo.

Ether 15:20 E avvenne che combatterono tutta la giornata, e quando giunse la notte dormirono sulle loro spade.

Ether 15:21 E l'indomani combatterono fino a che venne notte.

Ether 15:22 E quando venne la notte erano ebbri di collera, proprio come un uomo che è ebbro di vino; e dormirono di nuovo sulle loro spade.

Ether 15:23 E l'indomani combatterono di nuovo; e quando venne la notte erano tutti caduti di spada, salvo cinquantadue del popolo di Coriantumr e sessantanove del popolo di Shiz.

Ether 15:24 E avvenne che dormirono sulle loro spade quella notte, e si batterono ancora l'indomani, lottando con tutte le loro forze per tutta la giornata, con le loro spade e i loro scudi.

Ether 15:25 E quando venne la notte ve n'erano trentadue del popolo di Shiz e ventisette del popolo di Coriantumr.

Ether 15:26 E avvenne che mangiarono e dormirono, e si prepararono a morire l'indomani. Ed erano uomini grandi e possenti, quanto a forza fisica.

Ether 15:27 E avvenne che combatterono per lo spazio di tre ore, e svennero per la perdita di sangue.

Ether 15:28 E avvenne che quando gli uomini di Coriantumr ebbero ricevuto forza sufficiente da poter camminare, stavano per fuggire per aver salva la vita; ma ecco, Shiz si alzò e anche i suoi uomini, e giurò nella sua ira che avrebbe ucciso Coriantumr o sarebbe perito di spada.

Ether 15:29 Pertanto li inseguì, e li raggiunse il giorno seguente; e combatterono di nuovo con la spada. E avvenne che quando furono tutti caduti di spada, salvo Shiz e Coriantumr, ecco, Shiz era svenuto per la perdita di sangue.

Ether 15:30 E avvenne che Coriantumr, dopo essersi appoggiato sulla sua spada per riposarsi un poco, tagliò la testa a Shiz.

Ether 15:31 E avvenne che dopo che egli ebbe tagliata la testa di Shiz, Shiz si alzò ancora sulle mani e ricadde; e dopo aver lottato per respirare, morì.

Ether 15:32 E avvenne che Coriantumr cadde a terra, e divenne come se non avesse vita.

Ether 15:33 E il Signore parlò ad Ether e gli disse: Esci. Ed egli uscì, e vide che le parole del Signore si erano tutte adempiute; ed egli finì la sua storia (e non ne ho scritto nemmeno la centesima parte), e le nascose in modo che il popolo di Limhi le trovò.

Ether 15:34 Ora, le ultime parole scritte da Ether sono le seguenti: sia che il Signore voglia ch'io sia traslato, o ch'io faccia la volontà del Signore nella carne, non importa, sempre che io sia salvato nel regno di Dio. Amen.

IL LIBRO DI MORONI

Moroni Capitolo 1

Moroni scrive a beneficio dei Lamaniti -- I Nefiti che non vogliono rinnegare Cristo vengono messi a morte. Circa 401 - 421 d.C.

Moroni 1:1 ORA io, Moroni, dopo aver terminato di riassumere il racconto del popolo di Giared, avevo supposto che non avrei più scritto altro, ma sono sopravvissuto e non mi faccio conoscere dai Lamaniti per timore che mi distruggano.

Moroni 1:2 Poiché ecco, le loro guerre tra loro sono ferocissime; e a causa del loro odio mettono a morte ogni nefita che non voglia rinnegare il Cristo.

Moroni 1:3 E io, Moroni, non voglio rinnegare il Cristo; pertanto vago ovunque posso per aver salva la vita.

Moroni 1:4 Pertanto scrivo alcune altre cose, contrariamente a quanto avevo supposto; poiché avevo supposto che non avrei scritto nient'altro, ma scrivo alcune altre cose, perché forse possano avere valore per i miei fratelli, i Lamaniti, in un giorno futuro, secondo la volontà del Signore.

Moroni Capitolo 2

Gesù dette ai dodici discepoli nefiti il potere di conferire il dono dello Spirito Santo. Circa 401 - 421 d.C.

Moroni 2:1 PAROLE di Cristo, che egli pronunciò ai suoi discepoli, i dodici che aveva scelti, mentre poneva le mani su di loro --

Moroni 2:2 Ed egli li chiamò per nome, dicendo: invocherete il Padre in nome mio, in possente preghiera; e dopo aver fatto ciò, avrete il potere di dare lo Spirito Santo a colui al quale imporrete le mani; e lo darete in nome mio, poiché così fanno i miei apostoli.

Moroni 2:3 Ora, Cristo disse loro queste parole al tempo della sua prima apparizione; e la moltitudine non le udì, ma i discepoli le udirono; e lo Spirito Santo discese su tutti coloro ai quali essi imposero le mani.

Moroni Capitolo 3

Gli anziani ordinano sacerdoti e insegnanti mediante l'imposizione delle mani. Circa 401 - 421 d.C.

Moroni 3:1 MANIERA in cui i discepoli, che erano chiamati anziani della chiesa, ordinavano i sacerdoti e gli insegnanti --

Moroni 3:2 Dopo aver pregato il Padre nel nome di Cristo, essi imponevano loro le mani e dicevano:

Moroni 3:3 Nel nome di Gesù Cristo io ti ordino per essere un sacerdote, (o, se doveva essere un insegnante) ti ordino per essere un insegnante, per predicare il pentimento e la remissione dei peccati tramite Gesù Cristo, mediante la perseveranza della fede nel suo nome, fino alla fine. Amen.

Moroni 3:4 E in questa maniera essi ordinavano sacerdoti e insegnanti, secondo i doni e le chiamate di Dio agli uomini; e li ordinavano mediante il potere dello Spirito Santo che era in loro.

Moroni Capitolo 4

Spiegazione di come gli anziani e i sacerdoti somministravano il pane sacramentale. Circa 401 - 421 d.C.

Moroni 4:1 MANIERA in cui gli anziani e i sacerdoti somministravano la carne e il sangue di Cristo alla chiesa; e li somministravano secondo i comandamenti di Cristo; pertanto sappiamo che questa maniera è vera; e l'anziano e il sacerdote li somministravano.

Moroni 4:2 Essi si inginocchiavano con la chiesa, e pregavano il Padre nel nome di Cristo, dicendo:

Moroni 4:3 O Dio, Padre Eterno, ti chiediamo nel nome di tuo Figlio, Gesù Cristo, di benedire e di santificare questo pane per le anime di tutti coloro che ne prendono, affinché possano mangiarne in ricordo del corpo di tuo Figlio, e possano testimoniare a te, o Dio, Padre Eterno, ch'essi sono disposti a prendere su di sé il nome di tuo Figlio, e a ricordarsi sempre di lui, e ad obbedire ai suoi comandamenti ch'egli ha dati loro, per poter avere sempre con sé il suo Spirito. Amen.

Moroni Capitolo 5

Viene esposto il modo di somministrare il vino sacramentale. Circa 401 - 421 d.C.

Moroni 5:1 MANIERA di somministrare il vino -- Ecco, essi prendevano la coppa e dicevano:

Moroni 5:2 O Dio, Padre Eterno, ti chiediamo, nel nome di tuo Figlio Gesù Cristo, di benedire e di santificare questo vino per le anime di tutti coloro che ne bevono, affinché possano farlo in ricordo del sangue di tuo Figlio, che fu versato per loro; affinché possano testimoniare a te, o Dio, Padre Eterno, ch'essi si ricordano sempre di lui, per poter avere con sé il suo Spirito. Amen.

Moroni Capitolo 6

Le persone pentite vengono battezzate e accolte nella chiesa -- I membri della chiesa che si pentono sono perdonati -- Le riunioni sono dirette mediante il potere dello Spirito Santo. Circa 401 - 421 d.C.

Moroni 6:1 ED ora parlo riguardo al battesimo. Ecco, gli anziani, i sacerdoti e gli insegnanti erano battezzati; e non erano battezzati, salvo che producessero dei frutti che mostrassero che ne erano degni.

Moroni 6:2 Né ammettevano nessuno al battesimo, salvo che venissero con il cuore spezzato e lo spirito contrito, e testimoniassero alla chiesa che si erano veramente pentiti di tutti i loro peccati.

Moroni 6:3 E nessuno era ammesso al battesimo, salvo che prendesse su di sé il nome di Cristo, avendo la determinazione di servirlo sino alla fine.

Moroni 6:4 E dopo essere stati ammessi al battesimo, ed essere stati trasformati e purificati dal potere dello Spirito Santo, essi erano annoverati fra il popolo della chiesa di Cristo; e i loro nomi erano scritti, affinché potessero essere ricordati e nutriti mediante la buona parola di Dio, per mantenerli sulla retta via, per mantenerli continuamente vigilanti nella preghiera, confidando unicamente nei meriti di Cristo, che era l'autore e il perfezionatore della loro fede.

Moroni 6:5 E la chiesa si riuniva spesso per digiunare, e per pregare, e per parlare gli uni con gli altri riguardo il benessere della loro anima.

Moroni 6:6 E si radunavano spesso per prendere il pane e il vino, in ricordo del Signore Gesù.

Moroni 6:7 Ed erano rigorosi nell'osservare che non vi fosse fra loro nessuna iniquità; e quelli che erano trovati a commettere iniquità, e tre testimoni della chiesa li condannavano dinanzi agli anziani, se non si pentivano e non confessavano, i loro nomi venivano cancellati e non erano più annoverati fra il popolo di Cristo.

Moroni 6:8 Ma ogni volta che si pentivano e chiedevano perdono, con intento reale, erano perdonati.

Moroni 6:9 E le loro riunioni erano dirette dalla chiesa, secondo la maniera in cui operava lo Spirito, e mediante il potere dello Spirito Santo; poiché, come il potere dello Spirito Santo li conduceva a predicare, o ad esortare, o a pregare, o a supplicare, o a cantare, così era fatto.

Moroni Capitolo 7

Viene rivolto un invito a entrare nel riposo del Signore -- Pregate con intento reale -- Lo Spirito di Cristo mette in grado gli uomini di distinguere il bene dal male -- Satana persuade gli uomini a rinnegare Cristo e a fare il male -- I profeti manifestano la venuta di Cristo -- Per fede si compiono miracoli e gli angeli svolgono il loro ministero -- Gli uomini devono sperare nella vita eterna e attenersi alla carità. Circa 401 - 421 d.C.

Moroni 7:1 ED ora io, Moroni, scrivo alcune delle parole di mio padre Mormon, che egli disse riguardo alla fede, alla speranza e alla carità; poiché in tal modo egli parlò al popolo, mentre insegnava loro nella sinagoga che avevano costruito come luogo di culto.



  24   25   26   27   28   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38   39   Наступна

LIBRO DI MORMON 26 страница | LIBRO DI MORMON 27 страница | LIBRO DI MORMON 28 страница | LIBRO DI MORMON 29 страница | LIBRO DI MORMON 30 страница | LIBRO DI MORMON 31 страница | LIBRO DI MORMON 32 страница | LIBRO DI MORMON 33 страница | LIBRO DI MORMON 34 страница | LIBRO DI MORMON 35 страница |

© um.co.ua - учбові матеріали та реферати